IPA – TERRE ALTE DELL’ALTA MARCA TREVIGIANA

L’Intesa Programmatica d’Area “Terre Alte della Marca Trevigiana”  interessa il territorio di 30 comuni della parte nord-orientale della provincia di Treviso, identificabili le tre seguenti sub-aree:
Quartier del Piave: comprende i comuni di Valdobbiadene, Pieve di Soligo, Segusino, Vidor, Moriago della Battaglia, Miane, Farra di Soligo, Sernaglia della Battaglia, Refrontolo, Follina;
Vittoriese: comprende i comuni di Vittorio Veneto, Cison di Valmarino, Tarzo, Revine Lago, Fregona, Cappella Maggiore, Sarmede, Cordignano;
Coneglianese: comprende i comuni di Conegliano, Susegana, San Pietro di Feletto, Codognè, San Vendemiano, Colle Umberto, Santa Lucia di Piave, Mareno di Piave, Vazzola, San Fior, Godega di Sant’Urbano e Orsago.

La missione dell’Intesa Programmatica d’Area “Terre Alte della Marca” è la promozione dell’avvio di nuove iniziative economiche in favore della valorizzazione delle risorse umane, materiali ed immateriali del territorio, stimolando la collaborazione tra gli enti locali, l’imprenditoria privata e gli altri attori di sviluppo pubblico e privati. Nell’Intesa Programmatica d’Area sono ricompresi tutti i 28 Comuni dell’Area del GAL dell’Alta Marca che hanno assunto e assumono la concertazione quale metodo di programmazione dello sviluppo socio-economico locale.Negli ultimi anni l’IPA ha elaborato un piano strategico per lo sviluppo del territorio delle Terre Alte della Marca Trevigiana oltre a un parco progetti trasversale tra i quali un progetto relativo al tema della valorizzazione turistica del territorio al fine di candidare a sito Unesco il paesaggio culturale delle colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. A questo proposito l’IPA ha attivato un Osservatorio sperimentale sul paesaggio delle Colline del Prosecco dell’Alta Marca Trevigiana. Inoltre essa si è occupata, dell’organizzazione di seminari sui bandi regionali e comunitari destinati alla formazione di enti locali e delle parti economiche e sociali che amministrano gli oltre 33 enti pubblici e le 21 Parti economiche e sociali, oltre alla progettazione per la costruzione di piste ciclabili nell’area IPA.